Seleziona una pagina

Nessun viaggio in Vietnam può definirsi completo senza una visita ad Halong Bay: la splendida e suggestiva baia di Hạ Long, considerata una delle nuove sette meraviglie del mondo naturali, che accoglie ogni anno migliaia di visitatori. Grazie alla sua bellezza e al ricco patrimonio culturale è stata dichiarata patrimonio mondiale dell’UNESCO per ben due volte: nel 1994 per il suo valore estetico e nel 2000, quando vennero aggiunti alla valutazione anche i valori geologici e geomorfologici.

Dove si trova la Baia di Halong

Appena al largo della costa settentrionale del Vietnam, una miriade di isole carsiche si sussegue a perdita d’occhio, creando uno scenario esotico e pittoresco. Halong Bay è un’insenatura situata nel golfo del Tonchino, più precisamente nella provincia di Quang Ninh, a circa 165 km a est di Hanoi.
La baia di Halong vista dall'alto
Questa incantevole baia si estende per circa 150.000 ettari e comprende 1969 isole calcaree monolitiche, che si sono formate grazie a processi geologici lunghi miliardi di anni. Il clima tropicale che caratterizza questa zone rende la fitta vegetazione degli isolotti verde e rigogliosa. Per non rischiare di ritrovarti nel mezzo di un classico acquazzone equatoriale durante il tuo viaggio, scegli con attenzione quando visitare la baia di Halong.

Il periodo migliore per visitare Halong Bay

La baia di Halong è molto vicina al Tropico del Cancro, il che conferisce a tutta l’area il tipico clima tropicale con tempeste monsoniche e temperature sempre sopra i 16°C. In un anno i giorni di pioggia sono in media 200, concentrati soprattutto tra giugno e settembre. Ma non preoccuparti: di solito si tratta di tempeste pomeridiane che durano poco più di un’ora.

Crociera al tramonto nella baia di Halong

Organizzare la tua prima visita a Halong Bay può essere snervante se non hai familiarità con le stagioni vietnamite. A differenza del Vietnam del Sud, che ne ha solo due, l’area settentrionale gode infatti di quattro stagioni:

– la primavera: dura solo due mesi, marzo e aprile, ma è la stagione più godibile, con temperature mai troppo alte e ancora pochi visitatori;

– l’estate: da maggio ad agosto le giornate sono molto lunghe e le possibilità di pioggia aumentano, mentre il mare ha la temperatura perfetta per le tue attività acquatiche preferite;

– l’autunno: settembre e ottobre sono ancora a rischio piogge, ma i momentanei acquazzoni non diminuiscono di certo il fascino della baia. Se vuoi evitare il turismo di massa, questo è il periodo giusto;

– l’inverno: da novembre a febbraio ricominciano le giornate fresche, specialmente durante i primi due mesi dell’anno che infatti sono periodo di altissima stagione.

Qui sotto, per comodità, ti lasciamo una semplice tabella che ti aiuterà a scegliere più facilmente il periodo migliore per la tua visita.
MesePopolaritàTemperatureOre di soleUmiditàMedia giorni di pioggia
Gennaioalta15/20°C860%9
Febbraioalta15/21°C970%12
Marzomedia18/25°C970%14
Aprilebassa22/30°C1070%12
Maggiobassa24/32°C1070%11
Giugnoalta26/34°C1280%16
Luglioalta26/34°C1260%16
Agostobassa24/32°C1070%20
Settembrebassa22/30°C1080%14
Ottobrebassa20/27°C970%10
Novembremedia18/25°C860%7
Dicembrealta15/21°C860%

6

Da tenere assolutamente in considerazione anche le festività vietnamite:

– Tết, il Capodanno vietnamita: da gennaio a febbraio i vietnamiti si riuniscono in famiglia, ma Halong Bay viene presa d’assalto da turisti provenienti da tutto il mondo;

– Carnevale di Halong: potrebbe essere un motivo in più per visitare la baia di Halong da fine aprile a inizio maggio e immergersi nella cultura vietnamita. Questa festa si sovrappone con il giorno della Riunificazione (30 aprile) e la Festa dei Lavoratori (1 maggio);

Pescatore nella Baia di Halong

– Festa dell’Indipendenza: il 2 settembre è festa nazionale e Halong Bay si tinge di bandiere rosse per l’occasione;

– Vacanze estive: giugno e luglio sono i mesi in cui Halong Bay si riempie di turisti vietnamiti. Le scuole sono chiuse e le famiglie locali si concedono qualche gita fuori porta;

Una volta scelto il periodo ideale, vediamo finalmente come puoi arrivare ad Halong Bay.

Da Hanoi ad Halong Bay: come raggiungere la baia

Vuoi organizzare il tuo viaggio in autonomia o preferisci unirti a un tour organizzato? Autobus, mini-bus, treno e taxi: sono tante le opzioni per percorrere i 165 km che ti separano dalla tua destinazione: noi ti consigliamo di scegliere questo tour perché ti permette di poterti godere il viaggio al meglio e senza stress, in modo di arrivare fresco e riposato per la tua scoperta della baia.

Cosa non perdersi nella Baia di Halong

Ogni crociera segue una rotta diversa e ti porta a visitare diversi imperdibili luoghi.

Vista aerea dei villaggi galleggianti di Ha Long Bay

I villaggi galleggianti

Costruiti in origine come luogo di riposo per i pescatori locali, i villaggi galleggianti di Halong Bay sono diventati veri e propri “paesini” sull’acqua. Sembra incredibile, ma una comunità di circa 1600 persone vive tra le rocce e le isole della baia fluttuando su case che affiorano dall’acqua.

Divisi in quattro differenti villaggi, gli abitanti di Cửa Vạn, Ba Hang, Cống Tàu e Vông Viêng sono completamente autosufficienti e ancora oggi vivono in perfetta armonia con la terra e il mare. La pesca e l’acquacoltura sono le attività principali: i loro piatti a base di pesce sono i più freschi e autentici del Vietnam.

Le grotte delle Sorprese Sung Sot

La Grotta della Sorpresa

Al giorno d’oggi si contano 59 grotte nella baia di Halong: la più famosa di tutte è di certo Sung Sot Cave o la Grotta della Sorpresa, sull’isola di Bo Hon.
Per scoprire il motivo di questo nome preparati a salire 100 gradini prima di esplorare la grotta, e fidati di noi: nonostante sia un luogo sempre molto affollato di turisti, ne vale davvero la pena. Perditi tra colonne di stalattiti e stalagmiti e lasciati incantare dalle figure che l’acqua ha scolpito nella roccia in milioni di anni.

L'isola di Titov (o Ti Top) vista dall'alto

L’isola di Ti Top

Goditi la spiaggia o sali in cima alla vetta: l’isola di Ti Top (o Titov) vanta una piccola ma caratteristica caletta bianca – da aggiungere alla lista delle spiagge imperdibili del Vietnam – e uno dei più bei punti panoramici di Halong Bay.

Le famose perle del Vietnam

L’allevamento di perle

Allevare, raccogliere ed estrarre una perla richiede tanto tempo quanto impegno. Per non parlare della pazienza che ci vuole per ricavarne dei gioielli. Lo sanno bene alla Halong Pearl Joint Stock Company, l’azienda proprietaria dell’allevamento di perle di Halong Bay.

Lì puoi visitare le zattere galleggianti dove vengono coltivate le perle, le stanze in cui i lavoratori le estraggono dai loro gusci e infine il salone d’esposizione, dove ammirarle lucidate al termine del processo di allevamento. Chissà, magari sarà l’occasione giusta per concedersi un souvenir prezioso a ricordo di un viaggio davvero memorabile.

La leggenda di Halong Bay

È il momento di salpare: ora che hai tutte le informazioni che ti servono sulla baia di Halong puoi partire alla scoperta dell’arcipelago “creato dal drago”. In vietnamita infatti “Hạ Long” significa “dove il drago scende in mare”. La leggenda popolare narra che, migliaia di anni fa, il Vietnam dovette affrontare continui e sanguinosi combattimenti contro gli invasori del Nord. L’Imperatore di Giada, considerato il governatore del cielo, inviò la Madre Drago e i suoi figli per aiutare il popolo vietnamita a sconfiggere gli invasori.

Un giorno, mentre la maggior parte dell’esercito si radunò sulla terraferma per difendersi dal nemico, la flotta navale fu improvvisamente attaccata. Fu in quel momento che Madre Drago e i suoi figli apparvero in cielo e scesero per aiutare la flotta.

Con il loro mix di fuoco divino e smeraldi giganti, i favolosi rettili alati incenerivano i loro nemici. Le pietre preziose che uscivano dalle bocche dei draghi si sparpagliarono intorno al campo di battaglia e formarono le isole e gli isolotti che divennero la baia di Halong, che ancora oggi ammiriamo. Le navi nemiche furono affondate, l’invasore fuggì e il Vietnam fu finalmente in pace.

Dopo la battaglia, la Madre Drago e i suoi figli decisero di vivere nel mondo mortale in forma umana per proteggere il Paese e sostenere i vietnamiti con l’agricoltura e l’allevamento. Per questo motivo si dice che i vietnamiti sono i discendenti dei draghi e delle fate.

Mito o realtà? Non ti rimane che scoprirlo con i tuoi occhi, solcando le acque di Halong Bay.

Crociera nella Baia di Halong

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo